Brooks Transcend 4: per evadere verso luoghi più felici

In questo articolo:

Quanti di voi in questo momento hanno uno sguardo nostalgico rivolto alla finestra del proprio ufficio e sognano di scappare? Il lunedì del runner è più difficile del lunedì di tutte le altre persone, perché i fine settimana sono sempre all’insegna delle gare e degli allenamenti all’aria aperta. Per noi il week end non è fatto per poltrire, riposeremo quando saremo morti (cit.).

Brooks ha pensato alle nuove Transcend 4 dotandole di un sostegno extra, ma anche di un’ammortizzazione ultra morbida, per aiutare il runner a correre verso luoghi più felici. Esattamente in linea con la filosofia #RunHappy, la corsa è prima di tutto, soprattutto per noi podisti amatoriali, evasione dalla routine e dalla noia, per ritrovare e per riconoscere quello stato d’animo raro che cerchiamo spesso: la felicità.

La Transcend 4 si adatta al passo di ogni runner, il cui appoggio è unico, proprio come un’impronta digitale. Ecco perché tutti i materiali utilizzati sono appositamente studiati per assicurare allo stesso tempo il massimo della protezione, supporto e ammortizzazione. Potremmo quindi farla rientrare nella categoria “universale”. Vediamola nel dettaglio.

Pensate per le corse su strada, dai 10 km fino alle ultra-maratone, le Transcend 4 sono ideali per accompagnare tanto il runner evoluto quanto colui che muove i primi passi nei suoi allenamenti settimanali. Sono ideali per chi ha una corporatura pesante, grazie infatti all’innovativo sistema Guide Rails che offre un supporto costruito attorno alla scarpa che agisce come una sorta di binario, permettendo al tallone, alla caviglia, alle ginocchia e alle anche di trovare e conservare la loro posizione regolare e naturale per tutta la durata della corsa, migliorando la stabilità al momento della spinta. Inoltre, il rinforzo esterno in PeBax, nella parte posteriore della scarpa, riduce il rischio di eccessiva rotazione della caviglia. Risultano estremamente comode e protettive anche per chi è abituato a macinare molti chilometri  L’intersuola realizzata in Super DNA si adatta dinamicamente a ogni passo e ad ogni tipo di corsa ed è capace di migliorare l’ammortizzazione del 25% rispetto a qualunque altro modello in circolazione, garantendo, inoltre, una continua sensazione di morbidezza. La sua particolare costruzione “intelligente” con la Ideal Pressure Zone riesce a disperdere uniformemente l’impatto e a garantire protezione e comfort per tutta la durata della maratona.

TOMAIA:

La tomaia in maglia traforata traspirante gestisce l’umidità per mantenere i piedi asciutti e freschi. La stampa in 3D Fit Print applica elasticità e sostegno in modo strategico per garantire una calzata impeccabile. Il tallone avvolgente e l’interno felpato offrono un comfort superiore. Il rinforzo esterno per il tallone in PeBax lavora per ridurre la rotazione del tallone oltre lo schema di movimento naturale. La comodità e la sensazione di comfort dovuta alla morbidezza della tomaia, è unica.

SUOLA:
Le IDEAL Pressure Zones disperdono uniformemente l’impatto lontano dal corpo, garantendo una corsa priva di sforzi. Il sistema di scanalature flessibili Flextra configurato individualmente. Garantisce ad ogni corridore la flessibilità dell’avampiede ideale per ogni peso. L’ avanpiede in gomma soffiata conferisce reattività e stacco “elastici” ad ogni falcata.

INTERSUOLA:
L’ammortizzazione in Super Dna nell’intersuola si adatta dinamicamente a ogni passo e ogni tipo di corsa e garantisce il 20% di ammortizzazione adattiva in più del BioMoGo DNA.
Le Guide Rails aiutano il corpo a tornare nel proprio schema di movimento naturale per garantire una falcata stabile ed efficiente.
Il tallone arrotondato garantisce un migliore allineamento, riducendo al minimo lo stress sulle articolazioni. Full-Length Segmented Crash Pad: Il Crash Pad segmentato per tutta la lunghezza del piede accoglie il piede ogni volta che tocca il terreno e offre morbide transizioni tacco-punta.

SENSAZIONI:

L’impressione è quella di correre su una superficie morbida. L’asfalto lo si dimentica per un po’. Ma l’ottima ammortizzazione in combinazione con il drop di 8 mm a mio avviso è un vantaggio non da poco se si usa una postura corretta nella corsa. La reattività e la stabilità si avvertono anche su terreni più disconnessi, la differenza nel passaggio tra sterrato e asfalto mi è sembrata minima. La morbidezza e la leggerezza (306 gr. circa), ne fanno una scarpa ottima e ideale per evadere, per scappare a grandi falcate rincorrendo quel momento tanto atteso fatto di endorfine e di felicità. #RunHappy

brooksrunning.com/it